martedì 24 maggio 2016

Pazienza























Avrebbe compiuto 60 anni e giustamente lo si celebra.
Fatemi fare la mia parte, con il (vecchio e mediocre) disegno che vedete sopra. Come sempre in questi casi c'è chi si mette in mostra, chi dice scemenze, chi rosica, etc. Lasciateli perdere e leggetevi le parole belle, divertenti e sincere (come tutto cio che fa) di Tanino Liberatore, oppure recuperate lo stupendo libro di Filippo Scozzari "Prima pagare, poi ricordare". Ma soprattutto leggete le sue storie che ancora adesso sono tra le cose a fumetti più belle comparse in Italia dal dopoguerra in qua.
Ho amato tantissimo Andrea Pazienza, fin da quando lo lessi per la prima volta sulla pagine della rivista Alter (1979), era una puntata di Pentothal, avevo 14 anni. Me le ricordo bene quelle pagine e la copertina, coloratissima e selvaggia (dello stesso Paz?), si raccontava di un gatto circense, si evocava una storia d'amore con una fascinosa gatta siamese, per chiudere con delle considerazioni personali ("Perchè sono fatto così a cazzo?"). In poche pagine acrobatiche Pazienza faceva un uso virtuosistico, disinvolto e sincero delle tecniche più diverse, linea chiara, tratteggi lisergici, pastelli, carboncino e chissà cos'altro, che, Manu Larcenet, scusami, ma vai a nasconderti, infine una tavola bomba, in alto il titolo, "Le straordinarie avventure di Pentothal" e sotto un vignettone unico, un immagine frontale dell'ingresso di un edificio sulle cui scale esterne saliva di spalle, a grandi passi, con una borsa in mano il personaggio che esclamava "Oh, come sto bene!", da una finestra a destra sbucava il volto di una signora (?) allucinata, terrorizzata dall'individuo in arrivo, in basso "Continua.". Chiudendo la puntata l'autore prometteva incredibili avventure, promessa che non avrebbe mai mantenuto, ovviamente. Pazienza!
Ricordo un altro frammento che mi ha turbato l'adolescenza: girava per l'aula del LAS, il Liceo Artistico Statale che frequentavo, una copia de "Il Male" contenente una puntata di un fumetto intitolato "Il Partigiano", due tizi loschi inseguivano il protagonista e lo intrappolavano in uno stanzino, uno dei due aprendosi la patta, con aria torbidissima esclamava "Leccami la formaggella!", ci misi un bel po' a capire, disgustato, il senso di ciò.
Un altro dei miei preferiti, che acquistai e che conservo ancora, di ambientazione storica, si intitola "Aficionados". Il protagonista, il tenente Stella (come un bellissimo personaggio di Pratt de "Gli scorpioni del deserto", un caso?) è un ufficiale con i baffi,  tennista e carrista, che comanda un carro armato italiano M13, siamo in nordafrica durante la seconda guerra mondiale. La storia è a colori, leggera e compatta, talmente bella divertente, ben disegnata, che vorresti continuasse ancora e ancora, invece è breve. 48 pagine.
La mia generazione lo ha amato senza riserve, con totale entusiasmo, Pazienza. Eravamo probabilmente le vittime ideali: se a uno che non ha mai letto fumetti mettete in mano Pazienza, non ci capirà nulla (già è difficile leggere fumetti, figuriamoci il Paz), per apprezzarlo davvero bisogna esser cresciuti a pane e fumetti, noi lo eravamo. Non solo: Paz faceva arrabbiare molti. Prendete certi lettori più anziani, erano abituati ad un fumetto tradizionale ordinato, magari progressista, sì, ma non a questo delirante, totale casino!
Noi eravamo abbastanza giovani da non avere questo tipo di preoccupazioni e nel casino totale ci stavamo crescendo. Lo adoravamo e basta.

martedì 17 maggio 2016

Arf, Geek, Scianna!























Maggio con zaino e astuccio dei pennarelli in mano. Reduce dal Salone del Libro di Torino, Venerdì prossimo mi aspetta l'Arf di Roma, un nuovo festival di fumetti messo su da quel gigante (spero) buono di Mauro Uzzeo e dai suoi amici. Il weekend successivo le Puglie, per il Geek di Bari.
Ma succede anche che le mostre vengano a me: si inaugura a Milano questa mostra che viene da Roma, nella quale, tra quelle di tanti giganti del fumetto italiano e di altrettante/i bravissime/i colleghe/i ci sono alcune tavole di Fun. Forse migliorabile (Guido Buzzelli, where are you?), sicuramente un'ottima occasione per vedere da vicino un sacco di stupende tavole originali.
Ok, detto questo, ora mi bullo.
La foto che vedete, scattata un paio di anni fa a Sant'Arcangelo di Romagna con una Leika, è il regalo di un fumatore di pipa siciliano, simpatico, superintelligente e generoso, uno dei più grandi fotografi italiani di sempre, Ferdinando Scianna.

martedì 10 maggio 2016

Crepax























Micol Beltramini mi ha chiesto di partecipare ad un suo progetto, un libro sulla Valentina di Crepax che verrà presentato al Salone del Libro di Torino, sabato prossimo. L'ho fatto volentieri perchè Guido Crepax è uno dei miei preferiti. E ci sarò anch'io al Salone, con "more FUN", allo stand Coconino Fandango, sabato e domenica. Passate a trovarmi!

giovedì 21 aprile 2016

lunedì 18 aprile 2016

Caravaggio















Finalmente l'ho visto (questo è uno di quei dipinti che visti "dal vivo" fanno la differenza). Enorme, asimmetrico, tre secoli avanti il suo tempo. Collocazione, formato e dimensioni fanno pensare al fermo immagine di un film pazzesco. Una rappresentazione razionale, realistica, atroce, splatter, tragica, ironica, perfino tenera, senza odio e senza Dio, delle ultime fasi di un omicidio su commissione.
Mamma mia! ...Michelangelo Merisi da Caravaggio, gente.

giovedì 14 aprile 2016

Malta























Domani vado a Malta.
Sabato sera sarò sul palco dello Zion Reggae Bar con i Dorian Gray a fare disegnetti.
Inutile dire quanto sia curioso di visitare per la prima volta quest'isola, traboccante di storia, cose belle e suggestioni, fosse anche solo per questo famoso dipinto...
Nel frattempo, zitto zitto, oggi, in Italia, esce "more FUN"!

lunedì 4 aprile 2016

Gallieno























Gallieno se ne è andato.
Sabato scorso, a Genova, dov'era nato 87 anni fa.
Per me, per moltissimi della mia generazione, Gallieno Ferri (nome fantastico, sugli albi di allora gli autori di Zagor erano due enigmatiche G. : G. Nolitta e G. Ferri) è legato indissolubilmente alle avventure dello "Spirito con la scure", Zagor, oggetto di precoci e appassionate letture. Ero un bambino di sei anni, era l'Italia dei primi anni 70 e quel fumetto aveva delle copertine bellissime, semplici, coloratissime, d'impatto, fortemente evocative e assolutamente irresistibili, firmate "Ferri G.".
Rileggendole oggi, queste storie potranno sembrare probabilmente un poco ingenue, datate, naif, ma allora mi facevano paura, mi facevano ridere, mi emozionavano veramente.
Pochi anni dopo l'ho ritrovato a disegnare le cover (e solo quelle) di un altro personaggio di Guido Nolitta che ho amato moltissimo: Mister No. Ferri disegnava il suo Mister No, che corrispondeva solo in parte a quello all'interno degli albi, ma la capacita di scaraventarti letteralmente dentro l'Avventura rimaneva immutata.
Ciao, Gallieno.

lunedì 21 marzo 2016

Mostruoso























Eccolo qui!
Dopodomani esce il Dylan Dog Magazine. Dentro ci sono cose belle, di mio una storiella di Susy & Merz, la quinta, mi pare, su testi di Giorgio Giusfredi (e di Maurizio Colombo!) "Zombie parade" e una storia di Dylan, scritta dal mio amico Alberto Ostini, con cui già feci un Napoleone, qualche anno fa.
Si intitola "Il mostruoso banchetto".